• Home
  • Cripte e chiese medievali

Cripte e chiese medievali

Salento

Con la diffusione del Cristianesimo anche in Salento iniziano ad arrivare i primi cristiani andando a costituire delle vere e proprie comunità. Lo stesso San Pietro, si dice, in viaggio dall’Oriente, passò da questo territorio, battezzando la popolazione di alcune città e fondando le prime chiese (Chiesa di San Pietro ad Otranto). Purtroppo pochi sono i resti di età paleocristiana, ad eccezione della Chiesa di Santa Maria della Croce a Casaranello, il cui impianto originario risale al V secolo d.C. e di questo periodo si conservano i bei mosaici sulla volta del presbiterio e della cupola.

Per esigenze di difesa, non solo da attacchi nemici, ma anche per non poter manifestare apertamente la propria religione cristiana, parte della popolazione locale trova naturale rifugio nelle grotte e negli anfratti, situati lungo le serre o le coste, ricavando così una serie di abitazioni che diedero origine alla cosiddetta “civiltà rupestre”, come testimoniato nell’insediamento di Macurano, nella campagna di Alessano, nell’estremo sud del Salento. In molti casi questi insediamenti erano legati a monaci di provenienza greca, perlopiù basiliani.
Nella roccia venivano così scavati anche i luoghi di culto, le cripte, che potevano avere tipologie architettoniche e planimetrie diverse ed erano affrescate sulle pareti. Gli affreschi rappresentavano i santi maggiormente invocati, ma una predilezione particolare si riscontra per il culto di Maria, nelle sue varie denominazioni.
La massima espressione della civiltà rupestre si ha tra il X e il XII secolo, quando una grande ondata di monaci orientali arriva in Italia meridionale per sfuggire alle persecuzioni nate dal divieto delle rappresentazioni sacre nei luoghi di culto.

L’egemonia greca si interrompe con l’arrivo dei Normanni, la cui dominazione fu comunque estremamente tollerante nei confronti della superiorità culturale e artistica bizantina, lasciando inoltre continuare anche la pratica del rito greco. Monaci greci continuano così ad essere accolti all’interno dei monasteri normanni, come è testimoniato ad esempio nell’Abbazia di Santa Maria di Cerrate vicino Lecce, o nel monastero di San Nicola di Casole ad Otranto.

 

Dove si trova

Cripte e chiese medievali





Contattaci

Compila il form con i tuoi dati e inviaci la richiesta. Risponderemo il prima possibile.


Nelle vicinanze